Orologi vintage: marche a confronto

L’orologio vintage piace a tutti, grandi e piccoli, riporta indietro nel tempo, scandendo epoche tramontate ma ancora vive in chi le ha vissute. L’orologio è il simbolo dello scorrere del tempo e si imprime nell’immaginario di tutti come un accessorio che va ben al di là del suo ruolo di segnatempo. Non a caso il business degli orologi vintage è sempre più fiorente e registra domande record che allertano produttori sempre più orientati a riproporre modelli ripresi dal passato. Se non si hanno molti soldi da spendere nei vintage originali, si può sempre rimediare acquistando modelli ispirati agli orologi di una volta, di cui è pieno il mercato, come si può verificare su www.sceltaorologi.it.

In commercio abbondano gli orologi in stile vintage, vediamone alcuni fra i più economici, come quelli Breil della linea “Uomo Mantra Vintage” in vendita a circa 50 euro o gli analogici che mischiano antico e moderno di Harry London con quadrante in quarzo unisex a poco più di 100 euro. Quasi tutti i più grandi brand di orologeria lanciano, prima o poi, gamme di modelli vintage, perché sanno che piacciono e fanno presa sui consumatori facendo leva sulla sfera emotiva. Sotto i 100 euro troviamo i modelli classici firmati Daniel Wellington, acquistabili a 87 euro online con sconto del 50 per cento sul prezzo di listino e gli orologi “Astrological” di Woodstock Zambon a soli 41 euro.

Più o meno sulle stesse cifre gli analogici al quarzo by Festina e i modelli da polso Timex. Se si è sportivi non si potrà fare a meno di sfoggiare al polso un Gigandet subacqueo, prezzo di listino sui 200 euro, scontabili online Chi, invece, cerca un classico ‘luxury’ non potrà resistere al fascino degli Hamilton anche se piuttosto ‘salati’, qui infatti si parte da 500 euro in su. Un capitolo a parte va aperto per gli orologi vintage Casio, che tanta storia hanno fatto, di generazione in generazione. Il brand nipponico ha fatto la felicità dei nostri nonni e genitori, incarnando l’idea stessa dell’orologio senza tempo, a prezzi ultraeconomici di poche decine di euro come i classici digitali al quarzo in vendita a 30 euro o anche meno.